fbpx

Tag: azienda

29
Gen

QUALI SONO LE PAROLE DEL LEADER? Il capo parla, il leader è ascoltato

“QUALI SONO LE PAROLE DEL LEADER?” Il capo parla, il leader è ascoltato INCONTRO GRATUITO SABATO 29 FEBBRAIO ORE 14.30 Via Spalato 14, Roma (MB 1 S. Agnese/Annibaliano)   In un contesto lavorativo sempre più competitivo, per guidare bene l’azienda e farsi ascoltare dal proprio team, le conoscenze tecniche non sono più sufficienti. Oggi il leader deve essere credibile, coerente, autorevole e in grado di

Leggi

16
Apr

Non amo più il mio lavoro…e adesso?

“NON AMO PIU’ IL MIO LAVORO…E ADESSO?” INCONTRO GRATUITO DOMENICA 05 MAGGIO ORE 14.00 Via Spalato 14, Roma (MB 1 S. Agnese/Annibaliano)   Rimettiamoci in gioco! “All’inizio il lavoro mi piaceva, ma poi ho perso l’entusiasmo” “Lavoro solo per lo stipendio, ma la mia vera passione è un’altra” “Vorrei cambiare lavoro, ma ormai è troppo tardi” Quante volte, dopo l’iniziale motivazione, ci siamo ritrovati a vivere

Leggi

15
Apr

Fare il capo o essere capo

Il capo: ognuno di noi ne ha o ne ha avuto uno, tanto chi lavora in un’azienda più o meno strutturata, tanto chi sceglie la libera professione, perché anche lui, evidentemente, ha un “capo interno”. Non è facile essere leader, coordinare una, dieci, cento persone con caratteri, motivazioni, desideri, esperienze diverse. Un leader sa bene di non avere scampo: ci

Leggi

27
Mar

Fare il capo o essere capo?

“FARE IL CAPO O ESSERE CAPO?” INCONTRO GRATUITO DOMENICA 14 APRILE ORE 14.00 Via Spalato 14, Roma (MB 1 S. Agnese/Annibaliano) “Fare il capo o essere capo?”  La leadership attraverso il rapporto umano “Mi hanno detto che per essere un vero leader devo avere un atteggiamento amichevole, ma i miei collaboratori non mi hanno seguito. Allora ho adottato il pugno di ferro, ma nemmeno questo

Leggi

9
Nov

Guarire dall’insoddisfazione lavorativa

Sono una psicologa e durante una giornata di formazione ho sperimentato delle attività dove, attraverso il gioco, ho vissuto assieme ai miei compagni di corso lo stare insieme, la diversità e il rapporto, per poi essere in grado di proporlo ai nostri pazienti. Tornando a casa, mi è sorta spontanea una riflessione: perché queste attività si realizzano quasi solamente con

Leggi