fbpx

Blog

14
Mag

“Sognando sono più sveglia”

In una delle pagine più significative dell’autobiografia intitolata Ho vissuto molte vite. Ricordi (1963), Margarete Susman, poetessa, pittrice e saggista tedesca ignorata dalla critica letteraria, scrive: “I sogni non sono in nessun modo vergogne, come il mondo li ha considerati fino a questo momento; sono invece indice di una realtà nascosta perché sono ciò che succede nell’anima del sognatore stesso”.

Leggi

1
Mag

Primo Maggio – La festa dei lavoratori, rendiamola nostra

Haymarket Square, Chicago, Illinois, Stati Uniti, 1886. 1° maggio. Uno sciopero, poi soppresso in maniera violenta, è organizzato in America da parte di alcuni lavoratori che reclamavano il diritto ad una giornata lavorativa di 8 ore. La notizia della tragica conclusione della manifestazione travalica i confini del piccolo stato americano e arriva presto anche in Europa, dove ben presto viene

Leggi

19
Apr

Di cosa riempiamo i nostri carrelli?

Settimane fa abbiamo ricevuto la prima direttiva di rimanere a casa e di non uscire, se non per fare la spesa o altre commissioni di primaria necessità. Questo ha generato il panico e mobilitato centinaia di persone che si sono riversate in tarda serata nei supermercati 24h, per la corsa al riempimento di dispense, frigoriferi e congelatori. Ancora oggi le

Leggi

4
Apr

Non è il tempo di fermarsi!

Siamo portati a considerare il tempo come unità misurabile, come la durata di qualcosa: un’ora, una settimana, un mese, una stagione. Quello che stiamo vivendo in questi giorni, invece, assomiglia ad un tempo “sospeso”, non misurabile, non prevedibile. È il tempo dell’infezione da Covid-19, invisibile ed al tempo stesso imprevedibile, di cui non conosciamo la durata. Il nostro tempo è

Leggi

2
Apr

Quando la didattica vince la distanza

“Prof, le è arrivata la mia mail con i compiti? Prof, ma le verifiche le faremo in videochiamata? Prof, secondo lei torneremo a scuola prima dell’estate? Prof, ma il link che ha messo sul registro non si apre! Prof, la sento a scatti…” Anche oggi, nonostante tutto, i nostri studenti sono lì, a chiedere certezze a noi insegnanti che, però,

Leggi

12
Mar

Io e te a un metro di distanza

“Niente baci e abbracci. Sì perché invece prima eravamo tutti coccole, dimostrazioni di affetto ed espressioni fisiche di amore.”   Qualche giorno fa ho scritto questa frase su facebook, espressione volutamente ironica di una mia riflessione un po’ più articolata. Ho pensato “ci sconvolgiamo della distanza di sicurezza, ci opponiamo almeno a parole ad un decreto che ci dice quanto dobbiamo stare

Leggi

9
Gen

Leader si nasce: La Nostra Storia, il Nostro Pensiero

‘’Leader si nasce. Il pensiero può assumere il sapore forte dell’eresia, se gustato con gli occhi frenetici che vivono quotidianamente il paradosso del mondo online, che sovente riesce, pur senza avere luogo o spazio, a sottrarci all’universo dei rapporti tra esseri umani nel qui e ora, luogo e spazio reali. Ne siamo consapevoli e lo accettiamo senza polemiche: il nero

Leggi

20
Set

Alzheimer, una storia di immagini perdute

Ci sono momenti della vita in cui, come davanti ad uno specchio, ci troviamo di fronte a noi stessi. Ripensiamo ai tanti passi fatti, a volte difficili e faticosi, altri belli e importanti, ciascuno fondamentale per costruire la strada che ci ha condotto dove siamo oggi. Ripensiamo alla nostra storia, alle numerose scene che costituiscono il film della nostra vita,

Leggi

19
Set

La vita è movimento

Nel mese di settembre, si celebra la giornata mondiale della fisioterapia che unisce professionisti di tutto il mondo accomunati dagli studi, dalla laurea, dalle esperienze cliniche e dal desiderio di festeggiare i traguardi raggiunti dalla propria professione. Simili nelle diversità di ogni regione o stato, i colleghi che hanno condiviso le pagine degli stessi libri, le stesse speranze, aspettative e

Leggi

15
Set

Il linfoma: quando la cura diventa “prendersi cura”

“Mamma non riesco a respirare!” “Papà come mai questo raffreddore non passa più?” due semplici frasi che sentiamo spesso pronunciare dai bambini, a causa dei malanni di stagione. A volte capita però che sia più complessa e più lunga di una banale influenza. Per me, all’età di 5 anni sono state l’inizio di un viaggio lungo e faticoso che per fortuna è poi evoluto verso

Leggi